martedì 10 giugno 2008

Pollice verde

L’ ayahuasca è una pianta con proprietà allucinogene originaria del sud America. Illegale in gran parte del resto del mondo, nei paesi amazzonici è invece considerata parte integrante della cultura india e addirittura protetta dalle leggi sulla libertà di religione individuale. Chiamata anche la pianta dei morti o pianta delle anime viene consumata attraverso degli infusi preparati da Sciamani in cerimonie religiose in cui i partecipanti effettuano un “viaggio spirituale”, entrano infatti in quello che viene chiamato uno “stato alterato di coscienza” in cui non è raro avere allucinazioni di vario genere ed entrare in “contatto” con esseri spirituali o comunque appartenenti ad una dimensione diversa dalla nostra. La ragione per la quale questa pianta provoca tali visioni è abbastanza nota: contiene infatti un’ alta concentrazione di dimetiltriptamina (più comunemente DMT) e cioè la più potente sostanza psicoattiva oggi conosciuta.

La DMT ha una struttura chimica del tutto simile alla psilocibina (un composto alcaloide allucinogeno estraibile da alcuni funghi del genere Psilocybe e Stropharia) e al più potente neurotrasmettitore del cervello umano: la serotonina. La serotonina, insieme ad altre sostanze ‘particolari’ (norepinefrina, istamina e melatonina) che contribuiscono attraverso dei processi biochimici alla trasformazione della serotonina in triptamina, precursore chimico della DMT sono isolate nella ghiandola pineale, nel sangue, nei tessuti cerebrali e nel fluido cerebrospinale in cui è immerso il cervello quindi già presenti (anche se in quantità minima) nel nostro corpo.

La ghiandola pineale viene [1][2] spesso associata al cosiddetto “terzo occhio”, al chakra della corona, ambiente della consapevolezza interiore e sede fisica della coscienza, in connessione diretta con il Divino. Gli enzimi che consentono la trasformazione della serotonina sono regolati dalla luce solare attraverso la retina, la secrezione di melatonina quindi è principalmente notturna ed ha il suo apice durante la fase di sonno REM. A quanto trovato in rete sembrerebbe che una pratica comune (in teoria) per massimizzare l’effetto naturale di stimolazione della ghiandola al buio sia quello di rimanere per 3 giorni in un ambiente privo di illuminazione (dark room) ma fin’ ora non ho trovato riferimenti di esperienze in prima persona.


La pineale può essere stimolata anche attraverso stati di profonda meditazione. La pratica orientale più famosa in occidente è sicuramente quella del Kundalini yoga (yoga della consapevolezza). La Kundalini è una potentissima forma di energia avvolta a spirale, come un serpente alla base della spina dorsale a livello sottile, ed è considerata come la forza più poderosa della vita. Lo scopo del kundalini yoga è quello di risvegliare questa incredibile forma di energia farla risalire lungo tutta la spina dorsale, purificando ed espandendo al suo transitare i 7 chakra fino a quello della corona, posto al di sopra del cranio. A questo punto l’ Illuminazione, la connessione con l’ universo, con Dio e con tutto il creato è completata.





A cavallo degli anni 90 lo psichiatra Rick Strassman comincia a sperimentare la DMT sull’uomo, con lo scopo di scoprire se questa sostanza potesse avere eventuali effetti terapeutici. Tutti i soggetti (volontari) a cui è stata iniettata per via intramuscolare (0,2 mg per kilo) la DMT hanno riferito di incredibili incontri con esseri soprannaturali, non fisici. Leggendo le diverse testimonianze dei pazienti salta subito all’occhio che tutti i racconti, i “posti visitati” e gli esseri incontrati sono tutti molto simili tra loro escludendo quindi una reazione della DMT col singolo subconscio di ogni paziente ma come se fossero stati messi in condizione di poter “vedere” un universo comune a tutti gli uomini. Lo stesso Hancock nel suo libro “Supernatural” (“Sciamani” in Italia) afferma di aver fumato DMT e raccontando la propria esperienza, di aver incontrato delle intelligenze che hanno lasciato in lui una qualche forma di conoscenza che però non riesce a decifrare per via del limitato potere dei 5 sensi:

“In quel momento, e per forse un minuto o due in tempo reale, fui introdotto – nella misura limitata in cui ero in grado di afferrarlo – a un vero e proprio oltremondo, organizzato in maniera completamente differente dal nostro, dove le leggi di fisica non trovano applicazione, dove ci sono più di tre dimensioni, e dove è stato riposto un numero impressionante di informazioni.”

“Tuttavia ero uscito dall’ esperienza con la singolare sensazione che fossero state trasferite su di me enormi quantità di dati. E’ una cosa strana a dirsi, ma tutti questi nuovi dati rimasero profondamente inseriti nella mia coscienza per molto tempo dopo – esattamente come ci potremmo rendere conto della presenza di un grosso file nuovo improvvisamente scaricato sull’ hardisk del nostro computer. E proprio come è possibile scaricare un file ma è impossibile aprirlo a meno che non sia montato il software adatto.”
- Graham Hancock “Sciamani”.

Nello stesso libro l’ autore fa un parallelo molto interessante tra le esperienze derivate dall’assunzione di ayahuasca, racconti di miti di iniziazioni sciamaniche e anche le testimonianze di persone vittime di abduction analizzate da John Mack, professore di psichiatria ad Harvard e un pool di altri ricercatori. Incredibilmente in una linea temporale di migliaia di anni (dai miti di iniziazione sciamaniche alle più recenti abduction) i racconti e le testimonianze raccolte sono tutti simili e molti portano anche gli stessi medesimi particolari. Inutile a dirlo, i dati raccolti da professor Strassman descritti nel suo libro “DMT: The Spirit Molecule” sono quasi identici a quelli delle persone che riferivano di essere state rapite dagli alieni. Altro paragone che facciamo noi, è quello con le testimonianze raccolte nel libro di William Buhlman nel libro “Come uscire fuori dal corpo”. Il viaggio astrale, volontario o meno (OBE, Out of Body Experience e NDE, Near Death Experience, rispettivamente: esperienze fuori dal corpo e esperienze vicine alla morte) viene descritto nello stesso modo dei consumatori di ayahuasca, un sogno consapevole, incredibilmente vivido che porta alla riscoperta della propria spiritualità attraverso un universo diverso dal nostro, invisibile ai nostri occhi ma che nel profondo di noi stessi sappiamo esistere. La capacità intrinseca del nostro cervello di sintonizzarsi su diversi canali viene quindi tramandata a noi da religioni quali lo sciamanesimo e il buddismo, la scienza può spiegarci quali reazioni chimiche avvengono nel nostro organismo per portarci… dove? In una semplice allucinazione? In un’ altra dimensione? Cos’è quindi la coscienza? Cosa cè al di là dei cinque sensi? Cosa cè che noi non vediamo?

[Link alla discussione]


Bibliografia:

Graham Hancock - Sciamani
William Buhlman - Come uscire fuori dal corpo
La luce adamantina
Altrogiornale.org
Wikipedia

14 commenti:

adriano ha detto...

Ho letto Supernatural di Hanckock e l'ho trovato un libro strepitoso, le sue esperienze talmente verosimili che mi hanno ispirato una serie di racconti, ancora incompiuti per sfortuna o pigrizia diciamo...
Bravo donnie, ottimo tema e bell'articolo!
:-)
A

anto-az ha detto...

si donnie ottimo spunto, per uno studio che a parer mio, abisognerebbe essere approfondito.
credo sia doveroso ed ormai necessario,cercare di ampliare la coscienza di sè stessi,ergo le possibili soluzione e/o risoluzioni per arrivare ad un grado accettabile di tale percezione(per poi andare oltre)ormai sopita,che pero da sempre silente in noi,che per i motivi fin oggi elencati dai vari blog,ed blogers, siamo ormai tutti o parte di tutti a conoscenza.
in questo nuovo blog, dove c'è collaborazione credo, attiva da parte di piu "esseri" propensi alla verità,siano necessari si, ricercare i sempre ed innumerevoli inganni della "sinarchia",ma dall'altra parte, propore soluzioni a tali storpiature, propugnate agli uomini,a questi splenditi esseri viventi, su di un'altre tanto splendido paradiso,a cui abbiamo dato il nome di terra.

ps.donnie ho in preparazione dei post,che credo siano almeno un inizio per tal cosa.mi proporei come proponitore di risoluzioni,che ne dici?.

ciao anto-az

Donnie ha detto...

anto, siamo qui per questo :)

Timor ha detto...

Complimenti a Donnie per la nuova iniziativa.
Riguardo alle letture sull'ayahuasca consiglio anche il seguente testo:Serpente Cosmico di Jeremy Narby dove l'autore con profonda intuizione ricollega le visioni sciamaniche alla biologia molecolare e alla genesi di miti ubiquitari fra le varie popolazioni preindustriali.
L'autore con profonda intuizione riesce a ricollegare fatti e simboli apparentemente non collegati fra loro. La coscienza della pianta parla alla coscienza dell'uomo attraverso il materiale genetico che è il fondamento ubiquitario di tutta la vita per come la conosciamo.
La madre della vita è la doppia elica serpentina del Dna, il serpente a due teste, il caduceo, Quetzalcoatl, i gemelli divini, il drago alato, Ananta-Shesha sul quale riposa Vishnu etc... che eternamente vive in forme sempre nuove e diverse.
L'esperienze con l'ayahuasca permettono dunque il contatto e il risveglio del dna silente che quando attivato vibra attraverso tutto il corpo come intenso e piacevole formicolio, se l'attivazione continua è possibile il risveglio della Kundalini e la travolgente ascesa della shakti divina verso il suo sposo trascendente fino alle realtà multidimensionali dell'anima.
Ovviamente blocchi emozionali, paure, credenze limitate possono bloccare questo processo e portare a stati di malessere fisico se non di instabilità psichica che possono essere facilmente superati e/o evitati se l'esperienza viene vissuta nel giusto contesto e accompagnata da una guida capace ed esperta.
Chi volesse farsi una vaga idea della potenza evocativa e immaginativa dell'ayahuasca guardi questo filmato:
/it.youtube.com/watch?v=5iX0SQJ7ItQ
Cmq, per quanto ho potuto sperimentare, uno dei meriti dell'ayahuasca è che dà a ognuno non di piu di quanto sia in grado di tollerare e sopportare per il suo livello di comprensione e accettazione.

Un saluto e grazie per aver introdotto un tema a me molto caro

Donnie ha detto...

Ciao timor, Ricordiamoci anche che il co-scopritore della struttura del dna Francis Crick si trovava sotto effetto di lsd nel momento in cui ne aveva intuito la forma a doppia elica.

Egli stesso ammise di usare l'lsd come strumento per "pensare", potenziare le proprie facoltà mentali e per liberarsi da rigidi preconcetti.

Cito sempre da "Sciamani":

"Anche il fratello di Terence McKenna (googlate), Dennis (neurobiologo) ipotizzava che: "Le informazioni memorizzate nel materiale neuro-genetico potrebbero essere rese accessibili alla coscienza.. Interpolando triptamine [ad esempio DMT] e beta-carboline [ ad esempio l armalina, secondo ingrediente dell' ayahuasca] nel materiale genetico. Ci siamo convinti che tanto il DNA neurale che l RNA neurale fossero coinvolti nel processo"

Sicuramente da approfondire.. Forse bisognerebbe contattare qualche medico, che ne dite?

Timor, hai avuto esperienze con l' ayahuasca?

Donnie

Donnie ha detto...

P.s.

Video formidabile, devo dirti in tutta sincerità che sarei tentato di partire per il sud america.. Anche se mi sembra che l' ibogaina dia degli effetti piuttosto simili, e qui in italia stanno sorgendo delle strutture di ricerca per recupero di tossicodipendenti. http://www.iboga.org/it/table_m.htm
Qui devo informarmi meglio.

Donnie.

Timor ha detto...

Ciao Donnie, si ho avuto esperienze con l'ayahuasca come mi pare di aver lasciato intendere anche nell'ultimo commento. E per la mia esperienza personale è tutto vero ciò che è stato descritto. Concetti quali multidimensionalità, matrice cosmica, chakra e risveglio della kundalini, intelligenze cosmiche, angeli, archetipi, alchimia, risveglio del Dna, attivazione della pineale, esp, obe, nde sincromisticismo etc sono diventati reali e ineludibili quali fatti realmente vissuti dalla coscienza durante simili esperienze.
Nonostante i limiti della mia personale coscienza ordinaria mi è stato concesso di viaggiare attraverso alcune dimensioni che sono il fondamento della realtà per come la conosciamo.
Semplicemente perchè la coscienza è Una ed è un suo diritto viaggiare fre le infinite forme espressive della sua inintelleggibile creatività.

Ps. se ti interessano ulteriori informazioni su esperienze o riferimenti scientifici (e non far conto sui medici al riguardo di scienza di frontiera;-)) anche sull'iboga che non ho provato scrivimi.

Zret ha detto...

Ottimo articolo. Ho purtroppo letto un'indecente recensione di Sciamani, libro appassionante, di una pseudo-critica. L'uomo medio-basso è ancora lontano mille leghe da una nuova percezione del reale.

Ciao a tutti!

Donnie ha detto...

Timor: Ti sei recato oltremare o è possibile effetuare 'sessioni' anche qui in Italia? La Tua esperienza personale (se non sono indiscreto)? Che messaggi hai ricevuto o meglio, cosa ti è rimasto dentro dopo questa esperienza?

Donnie.

Timor ha detto...

Ho fatto le esperienze in italia, se sei interessato scrivimi.

Per quanto riguarda il succo delle mie esperienze.. è stata come una NDE dopo che la kundalini con la mia coscienza è schizzata fuori dal corpo( il succo, seppure con minuscole differenze è tutto in questo link www.webalice.it/cipidoc/pagina5.htm) nel video che ti ho consigliato si vede chiaramente che si può raggiungere la Sorgente di Tutto Ciò che E' (ed è in verità la cosa che ogni ente aspira di più al mondo compensata però anche dal desiderio di servirlo nei mondi che Esso crea) passando attraverso il lato Oscuro o Ombra ma si deve volerlo senza aver paura di morire.
Poi per ognuno l'esperienza è diversa anche se si fa in gruppo e quindi seppure molti elementi possano essere comuni la varietà dell'esperienza è difforme a seconda delle necessità e caratteristiche dell'individuo in quel momento.

Timor ha detto...

Adesso che mi sono commosso rileggendo il link sulla Nde :-), ti chiedo se è possibile proporla almeno parzialmente in homepage.

Ciao

Donnie ha detto...

Timor, interessantissimo il link, leggere di esperienze in prima persona è sempre molto emozionante..

Mandami un e-mail all' indirizzo in home page, così mi dai qualche info o recapito per questa cosa e decidiamo insieme come mettere il link che hai proposto in vista (se come testo o come link).

Donnie.

Donnie ha detto...

Ho spostato la discussione nel forum http://wakeupneo.forumfree.net/?t=28930937

Donnie.

Anonimo ha detto...

la ghiandola pineale è associata non al chackra della corona ma a Ajna, la ruota frontale


Viktor